cliccavvocati vai alla homepage assistenza legale on line consulenza legale on line news contatti per consulenza legale online
cliccavvocati
cliccavvocati

i nostri servizi

punto
Recupero Crediti
cliccavvocati
riga
punto
Responsabilità Civile
cliccavvocati
riga
punto
Locazioni
cliccavvocati
riga
punto
Condominio
cliccavvocati
riga
punto
Diritto di Famiglia
cliccavvocati
riga
punto
Diritto Penale
cliccavvocati
riga
punto
Contravvenzioni
cliccavvocati
riga

altri servizi

  • Assistenza legale on line
  • Consulenza legale on line
  • Consulenza condominio
  • Contratti di locazione
  • Vacanza rovinata
link consulenza legale
contatti assistenza legale

cliccavvocati Avv. Francesca Marzullo
Milano – Viale Gian Galeazzo 17
Tel e fax: 0239660461
Cell.: 3471514891
C.F. MRZFNC76T70F205X
P.IVA 04325020966
E-mail:
 
Avv. Monica Biancalana
Milano – Via Maffucci n. 53
Tel. e fax: 023762339
Cell.: 3394267187
C.F. BNCMNC69M52F205X
P.IVA 12681750159
E-mail:

cliccavvocati Tutte le risposte ed i pareri forniti sono redatti da un avvocato regolarmente iscritto all’ordine professionale e sono offerti nel rispetto delle tariffe ministeriali previste dal D.M. 18/04/04 n. 127.


news

L’amministratore di condominio è tenuto ad impedire che il modo di essere dei beni condominiali provochi danni ai condomini o a terzi
L’amministratore di condominio è tenuto ad impedire che il modo di essere dei beni condominiali provochi danni ai condomini o a terzi
La Cass. Civ., Sezione III, con sentenza del 16 ottobre 2008 n. 25251ha stabilito che, l’amministratore di condominio è tenuto, tramite i poteri e doveri di controllo che gli sono imputati dal codice civile e da precise disposizioni di leggi speciali, ad impedire che il modo di essere dei beni condominiali provochi danni ai condomini o a terzi; sicché, egli si viene a trovare nella posizione di custode rispetto a tali beni e può, pertanto, rispondere di detti danni.

La figura dell'amministratore nell'ordinamento non si esaurisce nell'aspetto contrattuale delle prerogative dell'ufficio.

A tale figura il codice civile, e le leggi speciali imputano doveri ed obblighi finalizzati ad impedire che il modo d'essere dei beni condominiali provochi danno di terzi.

In relazione a tali beni l'amministratore, in quanto ha poteri e doveri di controllo e poteri di influire sul loro modo d'essere, si trova nella posizione di custode.

Ciò si verifica in particolare quando, come nella fattispecie per cui e' causa, l'assemblea decide di appaltare lavori a terzi: in tal caso il controllo dei beni comuni nell'interesse del condominio deve infatti considerarsi attribuito all'amministratore quante volte, da un lato, l'appaltatore non e' posto in una condizione di esclusivo custode delle cose sulle quali si effettuano i lavori e dall'altro l'assemblea non affida l'anzidetto compito ad una figura professionale diversa dallo stesso amministratore.

Questi allora deve curare che i beni comuni non arrechino danni agli stessi condomini od a terzi, come del resto ha già riconosciuto la giurisprudenza allorchè ha considerato l'amministratore del condominio responsabile dei danni cagionati dalla sua negligenza, dal cattivo uso dei suoi poteri e, in genere, di qualsiasi inadempimento degli suoi obblighi legali o regolamentari.

Tale indirizzo, tendenzialmente piu' rigoroso rispetto al passato, e' del resto espressione dell'evoluzione della figura dell'amministratore di condominio, i cui compiti vanno vieppiù incrementandosi sì da far ritenere che gli stessi possano venire assolti in modo piu' efficace dalle società di servizi, all'interno delle quali operano specialisti in settori diversi, in grado di assolvere alle numerose e gravi responsabilità ascritte allo stesso amministratore dalle leggi speciali.




riga

domande e risposte
- Reversibilità pensione ex coniuge
- Offese sul posto di lavoro
- Il diritto di visita dei nonni dopo la Riforma del 2014
- Diritto al risarcimento per cause lente
- La negoziazione assistita
- Durata in carica dell'Amministratore di Condominio
- Non è consentita la sospensione dell'esecuzione dello sfratto, se l'inquilino può permettersi il canone di locazione di un'altra abitazione
- I condomini che affiggono comunicati nella bacheca del condominio rischiano una condanna per diffamazione
- Affidamento condiviso del minore
- Risarcimento del danno subito dal minore non svolgente attività lavorativa e conseguente a sinistro stradale
- Assegno divorzile
- Danno esistenziale
- risarcimento del danno e responsabilità della Pubblica Amministrazione
- circolazione stradale e autovelox
- risarcimento del danno e responsabilità dell'albergatore
- Figli adottabili se la madre è affetta da disturbo della personalità
- Animali domestici ora ammessi in Condominio
cliccavvocati
Homepage   |   Chi siamo    |    Consulenza on line    |    News    |    Contatti    |    Credits
cliccavvocati
© CLICCAVVOCATI - P. IVA 04325020966